Pedana vibrante: manutenzione, cura, pulizia

Ti sei finalmente deciso ad acquistare una pedana vibrante da usare in casa nei ritagli di tempi? Ottima scelta!

Ora non dovrai far altro che stare attento alla sua manutenzione e pulizia.

L’attenzione nei confronti di questo attrezzo è fondamentale per garantirgli una certa longevità. Comprare una pedana vibrante, infatti, può rappresentare un investimento economico moderato o corposo, a seconda del livello tecnologico e del design della struttura.

Se vuoi sapere come trattare con il massimo riguardo la tua pedana vibrante, sei nel posto giusto. Nelle prossime righe ti spiegheremo tutto passo passo.

 

Da che parti è composta una pedana vibrante

Prima di parlare della sua pulizia, bisogna differenziare i vari modelli per capire come si presentano e di quante e quali parti dovrai occuparti.

I modelli di pedane vibranti sono essenzialmente due: il primo, più semplice e compatto, è composto semplicemente dalla parte bassa, il cosiddetto piatto; il secondo, decisamente più ingombrante, oltre al piatto ha anche l’appoggio per le mani, il che rende la sua struttura più simile a quella di un tapis roulant.

In entrambi i casi, comunque, potresti avere in dotazione delle fasce specifiche per allenare le braccia e il telecomando per programmare i tuoi allenamenti nonché essere sempre aggiornato sui tuoi dati.

Avvertenze generali

Prima di compiere qualsiasi intervento ricorda che la pedana vibrante deve essere spenta e il suo cavo di alimentazione staccato dalla presa.

Non solo. Oltre a non essere attaccato alla presa di corrente, dovrai rimuovere anche la parte di cavo attaccata alla pedana stessa. Potrai sistemare il tutto solo a fine operazione e mai se la pedana è ancora smontata per qualsiasi ragione. Naturalmente, non tirare mai via la spina con il cavo elettrico.

Fai inoltre in modo che la pedana non entri mai in contatto con dei liquidi. Se vuoi evitare danni, il piatto deve sempre rimanere asciutto.

Un’altra accortezza fondamentale riguarda il posizionamento della tua pedana vibrante. Questo attrezzo è infatti pensato per uso interno, in ambienti con una temperatura stabile. È inoltre altamente sconsigliato conservare la pedana in un luogo della casa con un alto tasso di umidità. Banditi quindi terrazzi, balconi e garage.

La pedana vibrante deve essere sistemata e utilizzata in un luogo piano, non umido e con una temperatura costante. Nel caso in cui l’umidità elevata o le basse temperature non potessero essere evitate, ti consigliamo comunque di allenarti in una zona con una temperatura più alta; abbi cura, in questo caso, di aspettare almeno un’ora prima di accendere la pedana vibrante.

Pulire la pedana vibrante

Per quanto riguarda la pulizia della pedana vibrante, sono assolutamente sconsigliati prodotti eccessivamente aggressivi, solventi e sostanze corrosive.

Usa invece un panno appena umido con del detergente neutro. In questo modo preserverai sia il piatto della pedana, sia i maniglioni.

Ti consigliamo di pulire la pedana, previo spegnimento e scollegamento dalla corrente, dopo ogni utilizzo. Così facendo eviterai la formazione di macchie causate dal sudore. Pulire la pedana vibrante con attenzione e delicatezza ti aiuterà nel mantenerla quanto più performante e longeva possibile.

Manutenzione della pedana vibrante

La manutenzione principale è consigliata una volta al mese. Durante quest’operazione dovrai controllare i collegamenti dell’apparecchio, concentrandoti su bulloni, dadi e viti.

Questi elementi infatti a causa dell’uso costante potrebbero allargarsi. Dovrai essere tu a intervenire manualmente per stringerli. Questo controllo diventa ancora più importante nel caso in cui volessi riprendere la tua attività fisica con la pedana vibrante dopo un periodo di inattività.

A cosa stare attenti durante l’uso di una pedana vibrante

Oltre alle avvertenze generali, alla pulizia e alla manutenzione della tua pedana vibrante, devi stare attento a non compiere alcuni classici errori. Questo è essenziale non solo per il corretto funzionamento del dispositivo, ma anche per prevenire infortuni o problemi di salute.

Innanzitutto, se hai scelto come luogo preposto all’allenamento un tappeto dovrai accertarti che questo non ostruisca i fori di ventilazione della pedana.

Si può salire sulla pedana uno per volta ed è altamente sconsigliato saltarci sopra.

È inoltre importante un’indicazione circa i chili che questo attrezzo può sostenere. Come regola generale, è sconsigliato il suo utilizzo a chi dovesse pesare sopra i 100kg; si raccomanda, in questo caso, di rivolgersi al proprio medico per ricevere un’eventuale dieta personalizzata e per farsi consigliare un’attività fisica più adatta alle proprie esigenze.

Non finire la tua sessione di allenamento nel caso in cui dovessi avvertire un forte senso di nausea, vertigini, dolori alle giunture o se dovessi sentire il battito cardiaco in aumento in modo anomalo. Rispetta inoltre le sessioni di recupero, allenati a giorni alterni e non stimolare sempre la stessa parte del corpo. Riposarsi e variare gli allenamenti è fondamentale per un corretto utilizzo della pedana vibrante.

Non dimenticare di bere acqua anche durante l’allenamento ed effettua degli esercizi di stretching ad allenamento finito.

Durante gli allenamenti, stai attento a non poggiare sulla pedana le parti molli del corpo come l’addome, la schiena o il torace. Anche la testa deve essere particolarmente salvaguardata. Per far questo, non devi in alcun caso poggiare la testa sul piatto e ti sconsigliamo anche di assumere per troppo tempo posizioni da seduto. Queste, infatti, possono portare a due conseguenze molto fastidiose: l’arrivo di eccessive vibrazioni alla testa e una possibile infiammazione del coccige.

Le vibrazioni potrebbero risultare fastidiose anche per i bulbi oculari. In caso di eventuali disturbi puoi sollevare i talloni durante l’allenamento, in modo da evitare il ripetersi di questo inconveniente. Sempre contro il fastidio causato dalle vibrazioni puoi sistemare sotto i piedi un tappetino in gommapiuma.

Pedana vibrante: quali sono i suoi benefici?

Se ti sei occupato al meglio della pulizia, della manutenzione, della cura della tua pedana vibrante e sei stato attento nel seguire tutte le raccomandazioni, allora sei pronto per godere dei molteplici benefici di questo attrezzo:

  • aumento della massa magra
  • diminuzione della massa grassa
  • tonificazione dei muscoli
  • miglioramento del metabolismo
  • riduzione degli inestetismi della cellulite

Insomma, una pedana vibrante trattata con i dovuti riguardi è senza dubbio un investimento a lungo termine sul tuo benessere e sulla tua salute!


Nata in un piccolo paese della Sardegna e poi trapiantata a Roma, ho cercato di rendere la mia passione per la scrittura un lavoro. Mi divido tra redazione, festival, televisione, scrittura per il web e sono appassionata di beauty, benessere della persona e cura della casa. In una parola: comunicazione. Così cerco di impostare il mio lavoro e la mia quotidianità.

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Apri Menu
sceltatermoconvettori.it